THE BLUES BROTHERS

Scheda tecnica

Titolo (in Italia) The Blues Brothers
Anno di realizzazione 1980
Titolo originale The Blues Brothers
Regista John Landis
Scritto da John Landis, Dan Aykroyd
Casa di produzione Universal
Prodotto da Bernie Brillstein, Robert K. Weiss


Personaggi


Storia
Finalmente il gran giorno è arrivato e Jake, grazie alla sua buona condotta, viene rilasciato; ad attenderlo trova suo fratello Elwood alla guida di una Dodge nera della polizia. Con molto rammarico, Jake viene a sapere che la sua vecchia band, i Blues Brothers, si è sciolta poco dopo il suo arresto. Fedeli ad una vecchia promessa, decidono di andare a trovare la suora che li ha allevati all’orfanotrofio Sant’Elena del Santo Sudario (nella Contea di Cook). Qui ritrovano davanti ad una bottiglia di Jack Daniels il vecchio Curtis e da lui vengono a sapere del triste destino che attende l’orfanotrofio. Se entro undici giorni non avranno pagato le tasse arretrate (5.000 $) l’immobile verrà venduto al ministero della pubblica istruzione. Jake allora si offre per “racimolare” tale cifra ma la pinguina li prende a bacchettate rifiutando i loro sporchi soldi rubati. Su consiglio di Curtis i due si recano nella chiesa di Triple Rock: qui durante il sermone del reverendo Cleophus James, Jake vede la luce. Bisogna riunire la banda! Iniziano così a ricercare i loro vecchi compagni che ora hanno tutti un nuovo, onesto e retribuito lavoro. Una volta rintracciati si adoperano per convincerli a riunire di nuovo la band asserendo di essere in missione per conto di Dio. Ora che la band è di nuovo al completo, bisogna trovare i primi ingaggi: Jake, come al solito, pensa a tutto. Ed ecco che i nostri musicisti si ritrovano, piuttosto clandestinamente, al Bob’s Country Bunker, un locale dove si suonano entrambi i tipi di musica: il country ed il western! Dopo svariate bottiglie rotte arriva il momento della paga, ma, sorpresona, i nostri sono costretti a pagare le innumerevoli birre scolate. Riescono a svignarsela grazie ad un astuto stratagemma inseguiti dal titolare del locale e dai Good Ole Boys, i veri musicisti attesi per la serata. Dopo il fallimento di questa prima serata Jake e Elwood contattano il loro primo impresario Maury Sline il quale dapprima nega loro aiuto ma poi, abilmente ricattato da Jake, concede loro la sala grande del Palace Hotel. Dopo una vera e propria “campagna” pubblicitaria, i due, sempre inseguiti dalla polizia, dai Good Ole Boys e dai nazisti dell’Illinois (odiati da Jake), riescono a fare il loro ingresso nella sala. Inizialmente accolti con freddezza dal numeroso pubblico presente (scaldato in precedenza da un magistrale Curtis/Calloway) i fratelli Blues conquisteranno gradualmente l’affetto e le attenzioni dei presenti grazie ad un efficace uno-due di brani soul-blues (e grazie anche a Wilson Pickett). Il concerto prosegue alla grande, ma gli undici giorni stanno per scadere, grazie ad una botola ed a un ex-buttafuori ora manager discografico, riescono ad allontanarsi dalla sala fittamente presidiata da forze dell’ordine ma c’è un contrattempo. Mentre si avvicinano alla loro Dodge vengono bloccati da una donna misteriosa che si rivela essere la promessa sposa di Jake abbandonata davanti all’altare in trepida e virginale attesa. Ma neanche una donna tradita può impedire ai fratelli Blues di portare a compimento la loro missione. Inseguiti da tutti, (nazisti inclusi), raggiungono il palazzo delle imposte e si affrettano a raggiungere il quarantanovesimo piano per versare il tributo dovuto. Appena il tempo di prendere la ricevuta del versamento e scattano le manette e così i nostri musicisti trovano finalmente un ingaggio in pianta stabile nel carcere della contea! CURIOSITA' Nel film sono presenti numerosi cameo, ovverosia piccole parti interpretate da noti personaggi dello spettacolo. I Blues Brothers non fà eccezione. E’ infatti possibile riconoscere lo stesso John Landis e altri due suoi illustri colleghi che rispondono al nome di Steven Spielberg e Frank Oz e rivedendo la pellicola con l’ausilio di un buon videoregistratore o dvd è anche possibile notare, inciso sul ponte stradale la scritta John loves Deborah-Deborah loves John che dimostra come John Landis oltre ad essere un grande regista sia anche un marito affettuoso. E’ inoltre presente anche il grandissimo cantatnte Joe Walsh che nelle scene finale veste il ruolo del prigioniero che dà inizio alle danze sui tavoli della mensa del penitenziario.

Recensione a cura di
Leonino71 & Lukaweb


blues001.jpg blues009.jpg blues017.jpg
blues002.jpg blues010.jpg blues018.jpg
blues003.jpg blues011.jpg blues019.jpg
blues004.jpg blues012.jpg blues020.jpg
blues005.jpg blues013.jpg blues021.jpg
blues006.jpg blues014.jpg blues022.jpg
blues007.jpg blues015.jpg blues023.jpg
blues008.jpg blues016.jpg blues024.jpg

  Immagini #2     Immagini #3  


Audio


Video
blues1_divx4.zip
File 1
www.lukaweb.it
CARTONI CULT

Powered by Lukaweb, Leonino71 & Fabulous
© Lukaweb 1999-2018